Responsabile Stampa

Kiki McGowan
Head of Brand Communications

Zumtobel Lighting GmbH
Schweizer Strasse 30
6850 Dornbirn/Austria

Tel.: +43 (0) 5572 509-1303
kiki.mcgowan@zumtobelgroup.com
Andreas Reimann
Brand PR Manager

Zumtobel Lighting GmbH
Schweizer Strasse 30
6851 Dornbirn/Austria

Tel.: +43 (0) 5572 390-26522
andreas.reimann@zumtobelgroup.com

informazioni stampa 2012

  • 11/2012
    Prodotti

    Nuova eccellenza con DISCUS evolution

    L’ultimo nato del programma LED DISCUS di Zumtobel si distingue per design minimalista, grande efficienza e consumo energetico ridotto.
    Più informazioniMeno informazioni
    Il programma di faretti LED DISCUS ha riscosso grande successo sin da quando è stato lanciato. Il merito è del suo contenuto innovativo, della sua flessibilità ed anche del suo linguaggio formale. Ora il successo continua con DISCUS evolution. Nella nuova versione la sorgente e l’ottica sono calibrate reciprocamente al punto tale da far apparire il faretto ancor più moderno e minimalista. L’innovativo sistema di dissipazione passiva costituisce parte integrante del design ideato dallo studio viennese di fama internazionale “EOOS”. La costruzione è concepita in modo da poter sostituire rapidamente e senza bisogno di utensili le quattro diverse ottiche (spot, flood, wideflood e ovale, in temperature di colore da 3.000 a 4.000 Kelvin). Il dimming può essere regolato direttamente sui faretti, che vantano non solo grande flessibilità ma anche ottima resa cromatica e consumo energetico ridotto. DISCUS evolution è disponibile in colore nero o bianco, si monta su binari elettrificati oppure ad incasso diretto.

     

    Dati e cifre
    Applicazioni Ideale per illuminazione d’accento d’alto livello, soprattutto in negozi o aree di presentazione
    Tensione di rete
    220–240 V / 50/60 Hz
    Temperatura di colore 3000 K (LED830/930: calda) oppure 4000 K (LED840: neutra)
    Resa cromatica
    Ra 82 (LED830/840) / Ra 92 (LED930)
    Stabilità di colore MacAdam 3 (1/16 – 2/16 ANSI Bin)
    Flusso luminoso apparecchio 1800–2400 lm
    Efficienza apparecchio
    56–71 lm/W
    Durata
    50.000 h con rimanente 70 % del flusso
    Colore
    Vernice microstrutturata di colore nero satinato o bianco

    Zumtobel. La luce.

  • 11/2012
    Prodotti

    SFERA e SWARMCONTROL

    La prima piantana LED che si schiera con intelligenza
    Flessibilità e adattamento: sono queste le parole d’ordine per una luce della miglior qualità sui posti di lavoro.  Zumtobel lancia la piantana LED SFERA dotata di tecnologia SWARMCONTROL. Una nuova pietra miliare nell’illuminazione innovativa degli uffici.
    Più informazioniMeno informazioni
    Disporre di una buona luce sul posto di lavoro è una questione fondamentale.  In fin dei conti un’illuminazione ben calibrata migliora il benessere, la produttività ed anche la comunicazione.  Zumtobel ha sviluppato una piantana LED destinata a fare tendenza proprio in termini di qualità della luce individuale e adattabile.  Tuttavia la piantana SFERA non è sinonimo solo di luce perfetta ma anche di strepitosa efficienza energetica.  Il merito è delle tecnologie di comando che implementa: SENSCONTROL III, ossia la versione più evoluta della versatile gestione della luce Zumtobel, e l’innovativo sistema SWARMCONTROL che viene applicato per la prima volta in questa piantana LED.

    SWARMCONTROL
    La rivoluzionaria tecnologia SWARMCONTROL messa a punto Zumtobel dà come risultato una luce più flessibile e più individuale.  Gli apparecchi si coordinano reciprocamente configurandosi in modo da formare una schiera.  Tutto questo in maniera automatica e senza bisogno di software.  Anche se negli uffici cambia la disposizione dei posti di lavoro, SWARMCONTROL si adatta con estrema facilità alla nuova situazione.
    Oltre a questa caratteristica davvero esclusiva, SWARMCONTROL contiene altre due funzioni importanti: quella del corridoio e quella della presenza.  La prima serve a dare sicurezza e orientamento. Guidati da un segnalatore di movimento, gli apparecchi regolano la propria luminosità accompagnando il percorso di chi si dirige verso il posto di lavoro.  La funzione della presenza serve invece a garantire le condizioni visive ideali dove si lavora, ad esempio 500 Lux di illuminamento medio, lasciando comunque agli utenti la possibilità di adattare la luce alle proprie esigenze.  Inoltre, in funzione della luminosità diurna o artificiale disponibile, gli apparecchi circostanti ricevono un segnale radio e vanno a formare una sorta di nuvola luminosa in modo da creare un’atmosfera piacevole e condizioni visive ideali per le attività svolte.

    La piantana SFERA è costruita con l’ottica brevettata MPO+ che non procura abbagliamenti sui monitori di PC o tablet.  Il flusso luminoso di circa 6.300 Lumen, la potenza impegnata di soli 70 Watt, la durata dei LED che raggiunge le 50.000 ore e la stessa materialità pregiata testimoniano un alto livello in termini sia di efficienza che di sostenibilità.

    Dati e cifre
    Emissione Piantana LED con camere luminose separate e chiuse, emissione asimmetrica diretta e indiretta in proporzione  46:54
    Ottica Involucro di vetro acrilico trasparente (PMMA) in tecnologia MPO+ (ottica pluristrato a micropiramidi) per un’emissione definita e schermatura conf. EN12464
    Comando integrato

    SENSCONTROL III
    SWARMCONTROL

    Misure testata 650 x 420 x 34 mm

    Misure stelo
    45 x 70 mm
    Altezza apparecchio 1.950 mm
    Durata 50.000 h con rimanente 70 % del flusso

    Zumtobel. La luce.

  • 11/2012
    Prodotti

    XPO per illuminare scaffali con efficienza

    È con un minuscolo apparecchio LED per scaffali che Zumtobel si dimostra ancora una volta all’avanguardia nei sistemi d’illuminazione efficienti e autentici.
    Più informazioniMeno informazioni
    Illuminare in maniera genuina i prodotti esposti nei negozi è a dir poco un’arte.  Le problematiche infatti sono molte. Gli apparecchi devono mettere in scena gli oggetti senza rovinarli; inoltre bisogna che rimangano nascosti dentro gli scaffali e che rendano giustizia ai vari prodotti diversificando le temperature di colore.  Sono esattamente queste le prerogative di XPO, il nuovo sistema LED sviluppato da Zumtobel per l’illuminazione di scaffalature.  XPO misura solo 7 millimetri di altezza e 11 di larghezza, vale a dire la miglior premessa per non farsi notare.   Dimensioni minuscole e costruzione plug&play assicurano il massimo della flessibilità: XPO è previsto per scaffali da 600, 1.000 o 1.200 millimetri di lunghezza. La brillante luce LED è distribuita da un’ottica speciale che riesce ad esaltare ogni prodotto in maniera autentica.  Nelle scaffalature è particolarmente importante diversificare l’illuminazione con opportune temperature di colore. Per questo motivo XPO è disponibile in versione Stable White (2.700 K. 3.000 K. 4.000 K e 5.000 K) o anche nella versione Selectable White che permette di variare la temperatura di colore scegliendo fra 3.000 K, 4.000 K e 5.000 K.  Altri pregi di questo sistema sono il montaggio rapido, senza utensili, e la valida efficienza che raggiunge i 72 Lumen per Watt.  Tenendo poi conto della lunga durata del prodotto, XPO è da considerarsi una tra le soluzioni più efficienti in assoluto per l’esposizione di articoli nei supermercati.

    Dati e cifre
    Applicazioni Sistema LED per illuminazione professionale di prodotti esposti in scaffalature
    XPO stable white 

    Versioni da 2.700 K, 3.000 K, 4.000 K e 5.000 K pronte per il raccordo; con cavo bipolare bianco da 0,75 mm², lungo 0,7 m, e innesto

    XPO selectable white 3 temperature di colore in un unico apparecchio
    Commutazione tra 3.000 K, 4.000 K e 5.000 K; con cavo bipolare bianco da 0,75 mm², lungo 0,7 m, e innesto
    Lunghezze
    545 mm, 923 mm e1112 mm
    Durata 50.000h con rimanente 80% del flusso

    Zumtobel. La luce.

  • 08/2012
    Manifestazioni

    Zumtobel partner della 13. Biennale di architettura a Venezia

    Più informazioniMeno informazioni
    Collaborare con architetti e designer sta particolarmente a cuore a Zumtobel. Anche quest’anno il noto produttore illuminotecnico austriaco sponsorizza la Biennale di architettura a Venezia, come del resto fa dal 2002. David Chipperfield, quest’anno curatore dell’evento architettonico più prestigioso al mondo, sa apprezzare il sostegno: “Le aziende come Zumtobel danno un prezioso contributo all’allestimento di una biennale d’altissimo livello qualitativo. Grazie al supporto dei nostri sponsor siamo in grado di presentare tutti i progetti importanti e di mostrare l’effetto dell’architettura moderna nella società.”

    In aggiunta Zumtobel ha finanziato due contributi dell’imminente Biennale. Il primo riguarda un progetto dell’architetto svizzero Peter Märkli che insieme allo studio di lighting design Reflexion (Zurigo) ha curato l’esposizione di plastici degli artisti Hans Josephsohn e Alberto Giacometti. Märkli voleva soprattutto che i plastici si fondessero con gli spazi diventando un unico insieme, cosa che richiedeva una concezione illuminotecnica molto particolare. Zumtobel ha fornito un impianto di apparecchi che generano luce bianca e blu: i colori si miscelano in modo da diversificare le scene e da mettere in risalto l’effetto di profondità delle pareti e dei plastici.

    Il secondo progetto realizzato con la luce Zumtobel è della fondazione francese Wilmotte che invita a riscoprire il Fondaco degli Angeli con un’esposizione intitolata “Re-Generation Venezia”.

    L’impegno di Zumtobel nella Biennale di architettura a Venezia dimostra quanto all’azienda austriaca prema il confronto tra luce, arte e architettura, tra innovazione e creatività.


    Zumtobel. La luce.
  • 08/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Aberdeen guida il trend dell'innovazione offrendo ai clienti una esperienza di shopping full LED

    Le soluzioni illuminotecniche personalizzate di Zumtobel entusiasmano i titolari e i visitatori

    Nel progetto d'illuminazione per il «The Bon Accord and St Nichols Center» di Aberdeen Zumtobel ha dimostrato ancora una volta la sua competenza in materia di soluzioni illuminotecniche globali. Grazie ad un aspetto unico degli apparecchi d'illuminazione a LED, che si integra perfettamente nell'architettura presente, l'azienda ha raggiunto il massimo nell'innovazione, nella gestione della luce e nell'efficienza dei costi.
    Più informazioniMeno informazioni

    Il centro commerciale «The Bon Accord and St Nichols Centre» nella città di Aberdeen, in Scozia, con i suoi 70.000 metri quadrati è la meta preferita di numerosi amanti dello shopping. Grazie ad un completo piano di ristrutturazione, questo paradiso dello shopping é anche uno dei primi centri del Regno Unito ad offrire ai propri visitatori una esperienza di illuminazione interamente a LED. Per questa ragione é in grado di attrarre anche fans di soluzioni di illuminazione integrale.
    Colin Kennedy, Responsabile di Sviluppo presso il costruttore Land Securities racconta: «Volevamo capire come si potevano migliorare i valori d'illuminazione grazie all'impiego della tecnologia LED e allo stesso tempo sottolineare la nuova immagine del centro commerciale. Siamo decisamente soddisfatti del risultato. I nostri costi di manutenzione si sono abbassati e grazie al bilanciamento tra luce diurna e luce artificiale il consumo energetico è ottimale».

    La ditta Wallace Whittle, che ha eseguito l'analisi energetica nel corso della quale l'illuminazione esistente è stata confrontata con un progetto d'illuminazione sulla base dell'offerta di Zumtobel per apparecchi a LED, ha constatato che possono essere realizzati risparmi annuali di circa 117.000 kWh, con una riduzione prevista delle emissioni di CO2 nell'ordine di grandezza di 49 tonnellate. «La soluzione illuminotecnica di Zumtobel si è rivelata l'ideale per i nostri obiettivi riguardo a questo progetto, ai fini di migliorare la sostenibilità ambientale, rendere più piacevole lo shopping e ridurre il consumo energetico» ha dichiarato Steve Bruce, Senior Electrical Engineer presso Wallace Whittle.

    Soluzioni su misura per i clienti
    Per l'incarico di Zumtobel è stato determinante che l'azienda potesse presentare un progetto integrato di architettura e illuminazione – realizzato inoltre secondo i più moderni standard, che prevedono l'utilizzo di apparecchi d'illuminazione a LED e sistemi di gestione della luce. Per consentire un'integrazione ottimale nel progetto esistente e assicurare che la tecnologia LED inclusa fornisse il massimo comfort d'illuminazione è stata necessaria un'intensa consultazione tra architetti, progettisti elettrici e Zumtobel. Il team di sviluppo si è riunito più volte in loco studiare gli apparecchi d'illuminazione.

    Graeme Nicholls di Gareth Hoskins Architects spiega: «Per noi è stato di grande ispirazione progettare una serie di apparecchi d'illuminazione a LED speciali in stretta collaborazione con Zumtobel. Durante numerosi workshop abbiamo discusso dell'aspetto del progetto e abbiamo sviluppato alcuni prototipi per assicurarci che il prodotto finale rispondesse esattamente alle esigenze tecniche ed estetiche. Con le lampade a LED quadrate della serie Careena, perfettamente adattate alle sezioni circolari da 481 millimetri del soffitto del centro commerciale, Zumtobel ha realizzato un apparecchio d'illuminazione unico. Inoltre i moderni apparecchi a LED consentono di risparmiare considerevolmente sui costi dell'energia elettrica grazie alla loro potenza allacciata ridotta e all'ottica a microprismi MPO+ sviluppata da Zumtobel. Le forme lineari e morbide della soluzione speciale Careena conferiscono inoltre un aspetto sempre attuale.

    Lo specialista nelle soluzioni d'illuminazione Zumtobel ha sviluppato un'ulteriore soluzione su misura per il cliente con gli spot LED Resclite. Generalmente gli spot LED servono a condurre in salvo dalle zona di pericolo i visitatori in caso di emergenza. Tuttavia, ad Aberdeen i piccoli LED sono presenti anche nell'uso quotidiano per illuminare le aree in evidenza. Realizzati appositamente di 31 millimetri per la dimensione dei pannelli del soffitto, gli spot circolari illuminano con la loro luce brillante il soffitto del centro commerciale facendolo assomigliare a un cielo stellato. Oltre a queste due soluzioni speciali nelle aree pubbliche sono impiegati anche vari prodotti LED standard di Zumtobel. In questo modo le linee luminose e i downlight assicurano un'illuminazione del pavimento eterogenea. Semplificano l'orientamento per i passanti e consentono di fare shopping in un'atmosfera rilassata e luminosa.

    Qualità e assistenza compresi nel pacchetto
    Ad Aberdeen Zumtobel è riuscita nuovamente a dimostrare con successo la propria competenza nell'impiego di luci di alta qualità e nei loro effetti sulle persone. L'implementazione di un progetto efficiente dal punto di vista del risparmio energetico infine rende questa soluzione unica nel suo genere. Per realizzare il migliore sfruttamento della luce diurna e della luce artificiale il costruttore ha utilizzato il sistema di gestione della luce di Zumtobel Luxmate Professional. Con questo sistema intelligente è possibile dimmerare e comandare in modo efficiente gli apparecchi a LED, e addirittura programmare le scene di luce nel corso della giornata. In questo modo il corretto raggruppamento delle luci è sempre a portata di pulsante, sia durante l'orario di apertura e di pulizia sia di notte.

    Zumtobel. La luce.


    Costruttore: Scottish Retail Property Limited Partnership, Joint Venture di Land Securities e British Land
    Progetto architettonico:  

    Gareth Hoskins Architects, Glasgow/UK

    Schemi ed impianti elettrici: Wallace Whittle, Aberdeen/UK
    Soluzione illuminotecnica:
    » d'illuminazione LED Careena – soluzione speciale
    » LED downlight Panos Infinity
    » linea luminosa LED Slotlight LED RGB
      linea luminosa Decoline
    » downlight Micros
    » illuminazione di sicurezza Resclite – soluzione speciale
    » apparecchi per illuminazione di facciate Hedera
    » Comando della luce: Luxmate Professional

    Copyright: www.nealsmith.com

  • 07/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    80% di energia risparmiata con le linee LED in corridoio

    Il Dipartimento edilizia civile della città di Zurigo ha condotto un progetto pilota in collaborazione con le società Eteam GmbH e Zumtobel Licht AG: per un periodo di quattro mesi sono state messe a confronto due differenti soluzioni illuminotecniche allestite in due corridoi identici del centro amministrativo Werd, allo scopo di analizzarne il potenziale di risparmio energetico con i LED e con una regolazione ottimizzata in base alle presenze. Dall’indagine è risultato che l’illuminazione LED arriva a risparmiare oltre l’80 per cento di energia rispetto all’impianto con lampade fluorescenti.
    Più informazioniMeno informazioni
    Il primo dei due corridoi è rimasto immutato: ossia con un’illuminazione di tradizionali lampade fluorescenti e segnalatori di presenza che spengono l’impianto dieci minuti dopo che non rilevano passaggio di persone. Nel secondo corridoio sono stati montati invece innovativi apparecchi LED Slotlight LED di Zumtobel. Qui i segnalatori di presenza avevano tempi di reazione progressivi che arrivavano a un minuto. Per loro natura, i LED non risentono della frequenza delle accensioni o del dimming, e non viene sacrificato nemmeno l’aspetto del comfort. Nell’impianto LED con segnalazione di presenza ottimizzata si è misurato un consumo energetico inferiore dell’81 per cento a quello dell’impianto con lampade fluorescenti.

    “Questo risultato dimostra in modo esemplare che la tecnologia LED, abbinata ad opportuna regolazione, riserva un enorme potenziale di risparmio in confronto agli impianti oggi usuali per l’illuminazione dei corridoi che pure sono considerati efficienti”, spiega Daniel Cathomen, direttore marketing Zumtobel per la Svizzera. E aggiunge: ”Da questo studio emerge che adottando sorgenti moderne e un sistema di gestione opportunamente programmato si riescono a realizzare impianti innovativi, con efficienza energetica ottimizzata e allo stesso tempo accettati bene dagli utenti. Senza contare che sono impianti destinati a durare a lungo e che si ammortizzano in tempi brevi.”

    Zumtobel. La luce.

  • 07/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Arte della luce per lo sport in grande stile

    Quest’estate Zumtobel porta a Londra una luminosa opera realizzata con l’artista italiana Monica Bonvicini.
    È ormai molto tempo che Zumtobel, specialista dell’illuminazione, si dedica attivamente ad arte e cultura sponsorizzando le creazioni luminose di artisti celebri. Insieme a Monica Bonvicini, artista di fama internazionale, ha realizzato ora un’installazione luminosa del tutto inusuale che si potrà ammirare a Londra quest’estate.
    Più informazioniMeno informazioni
    Quest’estate Londra diventa teatro del grande sport. E nella capitale inglese anche Zumtobel sta per distinguersi con un allestimento fuoriclasse. Insieme all’artista Monica Bonvicini, l’azienda ha realizzato un’imponente scultura luminosa che costellerà in via permanente il parco olimpico londinese, situato davanti allo stadio di pallamano. L’installazione di nome “RUN” fa parte dell’iniziativa “arte nel parco”.

    RUN è una composizione di tre lettere alfabetiche, ognuna alta nove metri e pesante una quindicina di tonnellate. Queste tre lettere si affiancano in posizione arretrata nel piazzale antistante il nuovo stadio Copper Box. Le giganti costruzioni sono coperte da vetri a specchio che poggiano su una struttura portante d’acciaio. Nella luce del giorno rispecchiano all’infinito tutto ciò che le circonda: cielo, parco, uomini, case. Così facendo, le sculture si fondono con il paesaggio e sembrano annullarsi. Di notte invece la visione si rovescia: le lettere contengono infatti apparecchi LED, montati lungo i bordi e guidati da fotosensori, che le mettono in scena staccandole dal paesaggio circostante. Dentro le lettere sono installati anche specchi convessi, invisibili, che di giorno trasformano le unità LED in una scintillante massa. Il risultato è una presenza sorprendentemente imponente ma come senza peso. “L’elegante effetto psichedelico di notte“ (Monica Bonvicini) fa da contraltare all’immagine che si dissolve di giorno, in contrasto stupefacente con la  mole dell’installazione.

    Per realizzare l’opera della Bonvicini, Zumtobel ha collaborato intensamente con l’artista impegnandosi al massimo per trasformare in realtà la sua visione. Un’impresa non da poco, riuscita però anche grazie alla profonda esperienza di Zumtobel in materia di LED. Al di là degli aspetti tecnologici, l’azienda segue ormai da anni la scena artistica e culturale. Non solo con soluzioni illuminotecniche esemplari in musei ed esposizioni ma anche chiamando a creare opere uniche architetti e designer del calibro di Zaha Hadid, Daniel Libeskind, Olafur Eliasson o Hani Rashid. Queste opere fanno parte dell’esclusiva linea “Masterpieces” di Zumtobel. Lo scopo delle collaborazioni come quella con Monica Bonvicini è tradurre in realtà le idee sulla luce, creare opere d’arte di luce uniche nel loro genere.

    Informazioni sul progetto RUN:

    Opera d’arte:  Monica Bonvicini, Berlin
    Lighting design: 

    Studio Dinnebier, Berlin

    Costruzione acciaio/vetro: Firma Sedak, Gersthofen
    Soluzione illuminotecnica:
    Zumtobel
    LED di potenza contenuti in armature di materiale sintetico in protezione IP 68, colorazione 7500 K, diametro: 16 mm, per un totale di 8464 unità

    Zumtobel. La luce.

  • 07/2012
    Azienda

    La App“Map of Light” di Zumtobel ora contiene anche il catalogo generale

    Da questa settimana la App di Zumtobel “Map of Light” non solo ha superato i 1000 progetti ma è disponibile nell’App Store in una nuova versione ampliata per iPhone e iPad.
    Più informazioniMeno informazioni
    La App è infatti ottimizzata per iPad 3: all’utente offre nuove funzioni e più servizi di prima. Fra di essi il catalogo generale Zumtobel comprensivo di dati tecnici per tutti i prodotti.

    La “Map of Light” di Zumtobel permette all’utente di accedere rapidamente ad oltre 1000 soluzioni illuminotecniche realizzate in tutto il mondo. Sono rese disponibili tutte le informazioni e le impressioni di ogni progetto, con la possibilità di cercarlo in base a criteri come il luogo o l’applicazione. La “Map of Light” offre immagini affascinanti e stimolati della grande varietà di progetti. Allo stesso tempo rappresenta un utile strumento ausiliare per architetti e progettisti, che in qualsiasi momento possono servirsi di progetti di riferimento con relativi prodotti e foto. Da ora si accede anche al catalogo generale Zumtobel e alla sezione Highlights che illustra le novità. L’applicazione si scarica gratuitamente dall’App Store: » http://itunes.apple.com/it/app/map-of-light/id397335153?mt=8

    Oltre 1000 progetti per conoscere il mondo della luce
    La “Map of Light” taglia il traguardo dei 1000 progetti con un highlight particolare: si tratta dello showroom McLaren a Vienna, dove Zumtobel dimostra come mettere in scena un marchio straordinario ma anche come realizzare una soluzione sostenibile. L’impianto possiede tutta la flessibilità necessaria a seguire con la luce i modelli di automobili o i contesti espositivi.

    Zumtobel. La luce.
  • 05/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Luccicanti montagne

    A Bolzano il nuovo quartier generale di Salewa brilla nella luce di Zumtobel.

    Dalla profonda esperienza di Zumtobel nasce una concezione illuminotecnica del tutto nuova integrata in un’architettura mai vista prima d’ora. Al di là di un apparecchio dimmerabile speciale, studiato insieme agli architetti per garantire una luminosità costante, l’ambizioso scopo del progetto era quello di realizzare un’illuminazione intelligente in grado di far brillare la sede della Salewa come centro di idee, di ricerca e di sviluppo.
    Più informazioniMeno informazioni
    Lo slogan di Salewa, una delle maggiori aziende europee di abbigliamento tecnico alpinistico, è »tutto per la montagna«: cosa che il nuovo quartier generale esprime anche solo attraverso la sua posizione. L’edificio progettato dagli architetti milanesi Cino Zucchi Architetti e Park Associati si trova a sud di Bolzano, da dove sembra richiamare i profili dei celebri picchi dolomitici, chiamati nella tradizione “monti pallidi” per via dei loro particolari colori.

    Ma i grattacieli in territorio alpino hanno un senso? A Bolzano se ne discute intensamente, e proprio per questo gli architetti hanno ideato un edificio candidato a diventare icona urbanistica. Il poliedrico complesso incassato a fondo valle dialoga infatti con le montagne circostanti. Ai volumi verticali degli uffici si alternano quelli orizzontali dei magazzini o della palestra di roccia. I lisci involucri di vetro e i pannelli di alluminio perforato, in tre tonalità di grigio, rimandano alle monumentali Dolomiti dichiarate dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. L’architettura si confronta con il genius loci del paesaggio altoatesino e lo segue sottilmente. Arrivando dalla periferia verso la città, la costruzione accoglie visitatori ed ospiti con generosa apertura. »È come una porta di Bolzano per tutti coloro che arrivano dall’autostrada«, riferisce il presidente del gruppo Oberalp-Salewa, Heiner Oberrauch. Dalle vetrate degli uffici e degli showroom lo sguardo spazia liberamente sulla città e sulle montagne circostanti.

    La raffinata concezione illuminotecnica del complesso, firmata dalla ditta austriaca Zumtobel rinomata in tutto il mondo, è da considerarsi un esempio letteralmente luminoso. I committenti chiedevano un impianto che lasciasse sempre aperta la vista delle montagne, senza oscurare uffici e showroom nemmeno in presenza dei raggi diretti del sole. Inoltre le condizioni di luce dovevano rimanere costanti anche col variare della luminosità esterna. Per risolvere la problematica, lo studio Park Associati ha sviluppato insieme a Zumtobel una soluzione speciale: si tratta di un apparecchio dimmerabile, chiamato IBLA, che emette da una parte luce indiretta puntandola sul soffitto e dall’altra luce diretta sulle scrivanie, in modo da garantire un’illuminazione ideale senza effetti di abbagliamento. La sua particolare linea, realizzata con fibre minerali, riprende in miniatura i volumi architettonici dell’edificio. Nelle sale di riunione sono installati apparecchi da incasso, otticamente molto sobri, che permettono di variare le condizioni di luce a seconda delle necessità. Le brillanze sono distribuite armoniosamente, in modo da diffondere un’atmosfera amichevole e vivace. Gli studi e le esperienze di Zumtobel dimostrano senz’ombra di dubbio che un’illuminazione ben studiata migliora non solo il benessere dei dipendenti ma anche il loro rendimento e la disponibilità a comunicare. Nelle aree espositive e di ricevimento si è scelta un’illuminazione generale uniforme, formata da linee luminose, con l’aggiunta di spotlights mirati che mettono abilmente in scena i prodotti Salewa.

    Un aspetto che al titolare stava particolarmente a cuore era quello dell’effetto serale dell’edificio. Ed anche in questo caso è tornato utile il know-how di Zumtobel nelle soluzioni complete. L’impianto d’illuminazione è infatti concepito in modo da far brillare la luce fuoriuscente dalle vetrate, gli elementi monolitici di alluminio e di calcestruzzo. Il risultato è esattamente quello che si cercava: trasmettere un’identità evidente, anche se sobria, di laboratorio dedicato a idee, ricerca e sviluppo.

    Nell’inusuale architettura del complesso trovano posto molti reparti assai diversi tra loro: uffici per 160 impiegati, magazzini per la logistica, una palestra di roccia per 250 scalatori (la più grande di tutta Italia), un centro fitness per i dipendenti, un asilo aziendale, una sala per eventi pubblici. Il progetto ha dato la precedenza assoluta al fattore umano, in primis al benessere dei collaboratori. L’innovativa azienda altoatesina vuole porsi come esempio di stile di vita attivo, a maggior ragione in quanto specialista degli sport alpini. Esemplare anche la concezione energetica e illuminotecnica, tale da meritare il riconoscimento di CasaClima che in alcune parti dell’edificio ha addirittura assegnato la certificazione gold, quella di eccellenza. Nella stessa gestione dei materiali ci si è sforzati di contenere al minimo l’impatto ambientale causato dai trasporti. Il 90 per cento dei fornitori proviene da zone vicine. L’impianto fotovoltaico produce più energia di quella che l’edificio consuma. Ad esso si aggiungono tecnologie per riconvertire il calore, per riscaldare e rinfrescare l’edificio con regolazione aggiuntiva delle temperature. Da tutto questo risulta un potenziale di riduzione di CO2 sbalorditivo, pari a 330 tonnellate all’anno: il merito è fra l’altro delle vetrate a doppio involucro che racchiudono la struttura portante di calcestruzzo fungendo da protezione termica e antisolare.

    Zumtobel. La luce.

     

    Committente:
    Oberalp Salewa/I
    Architettura:
    Cino Zucchi Architetti e Park Associati (Filippo Pagliani, Michele Rossi), Milano/I
    Progetto elettrotecnico:
    Energytech, P.I. Gabriele Frasnelli, Bolzano/I
    Soluzione illuminotecnica:

    Zumtobel
    apparecchio speciale per uffici IBLA
    » apparecchio da incasso LUCE MORBIDA IV
    » linea luminosa SLOTLIGHT II
    » file continue TECTON SLIMLINE
    » supporto LINARIA
    » apparecchio da incasso PERLUCE
    » faretto LIVIANO
    » apparecchio rotondo ONDARIA
    » illuminazione di emergenza con centralina ONLITE CPS
    » apparecchi segnaletici PURESIGN
    » apparecchi LED RESCLITE

    Foto 1: ©Oskar da Ritz

  • 04/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Arte della luce nel museo del cinema EYE ad Amsterdam

    Atmosfera unica con il masterpiece Starbrick di Zumtobel

    Il 5 aprile il museo del cinema olandese ha inaugurato la sua nuova e soprattutto grandissima sede con una solenne cerimonia in presenza della regina Beatrice. La futuristica costruzione è la prima in assoluto a contenere un impianto illuminotecnico formato da 92 Starbrick dell’artista Olafur Eliasson. Starbrick fa parte dell’esclusiva collezione Zumtobel di masterpiece: opere d’arte di luce che l’azienda sviluppa collaborando con celebri architetti, designer e artisti.
    Più informazioniMeno informazioni
    Dal 5 aprile il più grande museo olandese del cinema, EYE, ha trovato la sua nuova sede di fronte alla stazione centrale di Amsterdam, sul lato nord del fiume Ij: una posizione esposta e ben visibile sin da lontano, anche perché la spettacolare struttura a sbalzo spicca sulla città come nessun altro palazzo. Il suo dinamico linguaggio formale è firmato dallo studio viennese Delugan Meissl Associated Architects che ha basato il progetto sull’idea di considerare il film un’illusione di luce in movimento da tradurre in architettura. L’intento, pertanto, era quello di fare in modo che l’edificio stesso diventasse una sorta di schermo che proietta un film i cui protagonisti sono la luce, la città, il paesaggio di Amsterdam. Come spiega l’architetto Roman Delugan: “Ci siamo posti come obiettivo quello di trasformare la percezione del museo EYE a seconda della prospettiva e del luogo in cui ci si trova. Analogamente a quanto accade muovendo una cinepresa, il visitatore che si avvicina all’edificio trova davanti a sé prospettive sempre nuove.”

    Un’altra peculiarità dell’edificio è la cosiddetta Arena, uno spazio di 1.050 metri quadri che accoglie i visitatori appena entrati. Rivestito quasi interamente in legno e pavimentato con un elegante parquet di rovere, questo grande foyer affacciato sul fiume offre uno splendido panorama della città. L’ambiente dà il benvenuto agli ospiti con un’atmosfera aperta e invitante che spinge subito a soffermarsi nel bar o nel ristorante. Non a caso i primi posti a riempirsi sono le tante poltrone sparse sulle panoramiche gradinate disposte come terrazze. “Lo spazio centrale dell’edificio, chiamato “Arena”, invita i visitatori a fermarsi. La sua particolare geometria è ideata proprio per favorire i contatti sociali”, precisa Roman Delugan. L’impianto d’illuminazione realizzato con Starbrick ha la sua parte di merito. Starbrick è un apparecchio della collezione masterpiece di Zumtobel, una linea di opere esclusive create dall’azienda insieme a partner di fama. Il versatile modulo luminoso scelto dal museo è firmato dall’artista Olafur Eliasson. “Starbrick è un elemento luminoso che genera spazio. Con il supporto di Zumtobel siamo riusciti a renderlo utilizzabile negli ambienti dove si vive tutti I giorni. Sono proprio felice di vederlo installato in una struttura pubblica. Il design geometrico di Starbrick nasconde in realtà un sistema espandibile, il che vuol dire che può crescere in tutte le direzioni. Nel foyer del nuovo museo EYE i moduli si compongono in figure somiglianti a nuvole luminose che suggeriscono l’atmosfera del cinema – stars for the stars“, commenta Olafur Eliasson.

    La costruzione geometrica di Starbrick è formata da un cubo sulle cui facce poggiano altri sei cubi angolati a 45°. I moduli si possono comporre in gruppi di qualsiasi dimensione: nel museo EYE ce ne sono da uno, due, quattro e anche sette moduli. Agganciati l’uno all’altro, gli elementi formano eteree sculture che uniscono con grande suggestione luce, arte e architettura.

    Il foyer “Arena” è illuminato complessivamente da 92 Starbricks ripartiti in 21 diversi raggruppamenti che sembrano quasi galleggiare nel nulla. Quando si fa buio il salone ne ricava un’illuminazione decisamente esclusiva. I moduli Starbrick contengono LED disposti in modo tale da emettere luce bianca. Al contempo però formano un luminoso e caleidoscopico nucleo sotto forma di ottaedro cubico di colore giallo. La regolazione di ogni singolo Starbrick è affidata al sistema di comando centrale. Il dimming dei LED permette al museo di attivare una serie di scene diverse: ad esempio funzionale luce diretta, oppure solo indiretta per fare atmosfera, o anche una combinazione di entrambe.

    Per gli appassionati del cinema il museo EYE, unico in Olanda, rappresenta una meta imperdibile anche per via della scenografica architettura. Il suo archivio custodisce 40.000 film che vanno dai primi capolavori del muto alle pellicole di fine secolo e alle produzioni digitali contemporanee. La struttura ospita quattro moderne sale di proiezione, un grande spazio espositivo e diversi reparti interattivi per adulti e bambini. Inoltre il museo offre un ricco programma di proiezioni all’aperto, festival ed eventi speciali per bambini.

    Zumtobel. La luce. 

    Informazioni sul progetto:
    Committente:
    EYE Film Instituut Nederland, Amsterdam/NL
    Architettura:
    Delugan Meissl Associated Architects, Vienna/AT
    Progetto illuminotecnico Arena:
    studio Die Lichtplaner, Limburg/D in ccoperazione con Symetrys, Lustenau/AT
    Soluzione illuminotecnica Arena:
    Zumtobel
    » Starbrick Masterpiece

  • 04/2012
    Azienda

    Design Plus by Light+Building: tre premi a Zumtobel

    Il sistema LED Microtools vince il Best of Design Plus
    Sono ben tre i premi „Design Plus Award powered by Light+Building“ che Zumtobel riceve per la categoria espositori.
    Più informazioniMeno informazioni
    La giuria è rimasta particolarmente colpita dal minimalismo del sistema LED Microtools e lo ha proclamato „Best of Design Plus powered by Light+Building“. Premiati anche i faretti LED Iyon e l’apparecchio rotondo Ondaria per il loro design d’eccezione abbinato a un’efficientissima tecnologia.

    Microtools – sistema modulare
    Il sistema modulare LED Microtools piace per lo stile minimalista, per l’accurata lavorazione e per la luce di qualità eccellente. Le testate LED sono attualmente le più piccole che si possano trovare sul mercato. Microtools pertanto, con il suo design e la sua luce d’alta qualità, offre un nuovo modo di illuminare i negozi con i requisiti più moderni.

    Iyon – serie di faretti LED
    I faretti Iyon sono sinonimo della tecnologia LED più avanzata in un design esclusivo, firmato dallo studio Delugan Meisl Associated Architects. È soprattutto la linea pulita dell’armatura a conferire al faretto una sobria eleganza oltre che estrema funzionalità. Il raffinato design nasconde un esclusivo sistema di lenti e riflettori per una luce d’accento precisa e brillante, con diverse caratteristiche di emissione.

    Ondaria – apparecchio opale rotondo
    In questo apparecchio rotondo il design (Stefan Ambrozus) e l’effetto di luce parlano lo stesso linguaggio: la superficie luminosa, in posizione arretrata e concava, perfeziona la morbidezza della forma. Ondaria si presenta con una luminosità omogenea che tiene nascoste alla vista le sorgenti – tradizionali o LED – diffondendo un’atmosfera di armonia.

    Zumtobel. La luce.

  • 04/2012
    Azienda

    Gli highlights di Zumtobel in fiera

    Panoramica dei diversi settori applicativi presentati nello stand

    Alla Light+Building 2012 Zumtobel presenta novità ed integrazioni delle sue linee di prodotti. Concentrandosi su innovazione, praticità per gli utenti, sostenibilità e impiego responsabile della luce.

    Più informazioniMeno informazioni
    Lo slogan scelto quest’anno da Zumtobel per il suo stand è “Your Light in a World of Change”: vale a dire soluzioni illuminotecniche che seguono con intelligenza le preferenze degli utenti, che contengono valore aggiunto e che rispettano le risorse ambientali. In ogni settore applicativo Zumtobel dimostra come i prodotti e le soluzioni presentate siano in grado di rispondere già oggi alle principali tendenze future del settore illuminotecnico. Chi visita lo stand potrà vedere da vicino in che modo una luce flessibile abbinata a moderni sistemi di comando incrementi il benessere e il rendimento, riduca i costi e crei valore aggiunto.

    Ecco in sintesi gli highlights di Zumtobel per ogni settore applicativo:

    Uffici e comunicazione
    Benessere e salute sul posto di lavoro acquistano un’importanza sempre maggiore, al pari dell’incessante progresso tecnologico, della digitalizzazione o della certificazione ambientale degli edifici. Alle differenti esigenze visive servono condizioni di luce flessibili e personalizzate. Zumtobel indica la strada con nuovi apparecchi LED e comandi intelligenti che sanno sfruttare la luce del giorno garantendo efficienza energetica e un’illuminazione della miglior qualità. Con le soluzioni LED nasce anche un nuovo modo di progettare: la regolazione della temperatura di colore (Tunable White) rende infatti possibile concepire impianti studiati per sostenere il bioritmo umano.
    Prodotti:
    downlight LED PANOS INFINITY Tunable White, apparecchio estensivo LIGHT FIELDS LED, apparecchio da incasso LUCE MORBIDA V, apparecchio a sospensione AERO II LED, downlight LED PANOS INFINITY +, linea luminosa SLOTLIGHT LED, comandi della luce LUXMATE LITENET con Tunable White

    Scienza e formazione
    Analogamente agli uffici, anche gli ambienti didattici hanno bisogno di un’illuminazione flessibile, capace di adattarsi alle molte attività svolte. Gli apparecchi ad emissione diretta/indiretta e i moderni elementi di comando danno la libertà di variare le condizioni, impediscono gli abbagliamenti e contribuiscono pertanto in modo sostanziale a migliorare l’atmosfera.
    Prodotti:
    apparecchio a luce diretta/indiretta ELEEA, apparecchio a luce diretta/indiretta ECOOS, comandi della luce DIMLITE

    Vendite e presentazioni
    Nel settore applicativo dedicato a vendite e presentazioni i visitatori conosceranno le molteplici possibilità di usare la luce per mettere in scena gli oggetti in modo naturale e autentico: sistemi d’illuminazione generale d’accento studiati su misura, con resa cromatica perfetta e innovativa regolazione della temperatura di colore. Soluzioni armoniose in ogni parte del negozio, dalla vetrina al bancone, dal point of sale allo scaffale, dalla boutique al supermercato.
    Prodotti:
    faretto LED IYON, faretto VIVO LED Tunable Food, sistema luminoso SHELF LIGHT, sistema di file continue TECTON LED, sistema luminoso CARDAN LED, sistema luminoso LED MICROTOOLS, faretto per proiezioni ARCOS LED, sistema luminoso CIELOS LED Move, apparecchio rotondo ONDARIA LED, unità di comando CIRCLE TUNE

    Arte e cultura
    Il tema centrale in questo settore applicativo riguarda l’illuminazione LED e lo sfruttamento intelligente della luce diurna per mettere in scena le opere d’arte salvaguardandole dal degrado. Zumtobel dimostra come si possa variare la temperatura di colore servendosi di innovativi apparecchi LED dotati di tecnologia Tunable White e relativi sistemi di comando. In questo modo viene ottimizzata la percezione dei materiali e dei colori. I LED contengono quantità trascurabili di raggi infrarossi e ultravioletti: pertanto possono essere avvicinati agli oggetti senza rischiare di danneggiarli. La temperatura di colore rimane inalterata anche con il dimming, consentendo quindi accenti di luce precisi e delicati anche da diverse distanze.
    Prodotti:
    faretto ARCOS LED Tunable White, faretto per proiezioni ARCOS LED, wallwasher PANOS INFNITY Tunable White, sistema LED MICROTOOLS, supporto LINARIA, sistema luminoso LED SUPERSYSTEM, Masterpiece eL, unità di comando LUXMATE CIRIA

    Salute e cura
    Con il procedere dell’età cresce il bisogno di luce. Gli illuminamenti più intensi, le luminanze equilibrate per una miglior percezione dei contrasti, i cambi di temperatura di colore sono tutti fattori che sostengono il ritmo circadiano e migliorano la qualità del sonno. Le soluzioni illuminotecniche di Zumtobel si compongono di luce generale estensiva, luce direzionata e sequenze dinamiche di tonalità che seguono l’andamento del giorno. Nell’insieme formano un’illuminazione adatta agli anziani e – come hanno dimostrato gli studi – ne migliorano il benessere.
    Prodotti:
    apparecchio rotondo ONDARIA LED, LED-Wallwasher PANOS INFINITY Tunable White, unità di alimentazione medicale IMWS, linea luminosa SLOTLIGHT LED

    Industria e tecnica
    La sezione dedicata all’industria si occupa primariamente dell’illuminazione da altezze diverse. L’assortimento di prodotti Zumtobel offre soluzioni complete, ottimizzate per capannoni alti e bassi, con relativi sistemi di comando che sfruttano la presenza della luce diurna. Le novità della gamma dimostrano che i LED si fanno valere sempre di più anche in questo settore: convincono infatti con qualità come la lunga durata e i costi di manutenzione ridotti.
    Prodotti:
    sistema di file continue TECTON LED, apparecchio stagno SCUBA LED, apparecchio stagno CHIARO II LED, riflettore industriale VALUEA, gestione della luce DIMLITE

    Hotel e wellness
    Pensando alle comodità dell’ospite, Zumtobel propone soluzioni che sanno creare un’atmosfera avvolgente in hotel e ambienti wellness, lasciando però sempre spazio alle preferenze individuali. Moderni apparecchi LED con scene di luce predefinite e sequenze colorate dinamiche: per un relax esclusivo.
    Prodotti:
    faretto LED APHRODITE, downlight MICROS Q LED, sistema luminoso CARDAN LED, apparecchio da incasso LEDOS III

    Facciate e architetture
    Lo stand di Zumtobel racconta in modo affascinante come realizzare una valida illuminazione di facciate. Le superfici dei vari settori applicativi sono messe in scena una per una, sia dall’esterno che dall’interno. La nuova gamma di prodotti Zumtobel per le facciate propone soluzioni idonee ad ogni tipo di allestimento negli spazi urbani: dai dettagli architettonici in risalto alle armonie di colori dinamici, dalle immagini ai messaggi guidati dai pixel. L’impiego di moderni ed efficienti LED di potenza contiene al minimo il consumo energetico, trovando così il necessario equilibrio tra esigenze culturali e attenzione per le risorse.
    Prodotti per illuminazione di facciate:
    PAN, ELEVO, SKENA, IKONO, PYLAS, HILIO, HEDERA, CAPIX

    Luce di emergenza
    Cosa succeda in caso di blackout è quello che simula la sezione dedicata alla luce di emergenza. Viene riprodotto un corridoio oscurato in cui si dimostrano le proprietà dei nuovi apparecchi LED per segnaletica di sicurezza. Fra i requisiti in cui eccellono sono da citare la distanza di riconoscimento, l’illuminazione delle vie di fuga e il collegamento ai sistemi di gestione della luce.
    Prodotti per illuminazione e segnaletica di sicurezza:
    ONLITE RESCLITE, ONLITE COMSIGN 150, ONLITE PURESIGN 150, ONLITE CROSSIGN 160

    Gestione della luce
    Questa sezione presenta i diversi elementi che compongono un sistema di comando, compresi l’apparecchio d’illuminazione e l’interruttore. Oltre alla gestione che include la luce di emergenza, la grande novità sta nei comandi della temperatura di colore. Il visitatore potrà capire di persona come sia possibile controllare con facilità persino edifici da 10.000 apparecchi d’illuminazione.
    Prodotti:
    gestione della luce LUXMATE, unità di comando LUXMATE CIRIA

    Zumtobel. La luce.

  • 04/2012
    Azienda

    Zumtobel si presenta alla Light+Building 2012 con soluzioni all’avanguardia

    Your Light in a World of Change – una nuova qualità della luce

    In un mondo in continuo mutamento, anche i requisiti dell’illuminazione moderna si evolvono. Zumtobel affronta la sfida con prodotti innovativi, intelligenti e sostenibili.

    Più informazioniMeno informazioni
    In un’epoca di incessanti cambiamenti tecnologici, economici e sociali, anche gli spazi di vita e di lavoro si trasformano radicalmente. Per questo Zumtobel partecipa alla Light+Building 2012 con il motto “Your Light in a World of Change” e presenta soluzioni illuminotecniche all’avanguardia: flessibili, a misura d’uomo e in equilibrio con le risorse ambientali. La qualità dell’ambiente e della luce assume un ruolo sempre più centrale, sia per le persone che per le aziende. Zumtobel conosce a fondo la luce e i suoi effetti ma anche le tendenze future nel modo di usarla. Alla Light+Building 2012 presenta soluzioni che per il cliente contengono un valore aggiunto quantificabile:

    • Soluzioni illuminotecniche intelligenti, capaci di adattarsi alle esigenze individuali e quindi in grado di migliorare il senso di benessere, la salute, la produttività e il valore dell’ambiente.

    • Soluzioni illuminotecniche sostenibili, che mettono in sintonia la qualità della luce e l’efficienza energetica, che riducono i costi, che rendono gli edifici più efficienti e più ecologici.

    • Soluzioni illuminotecniche comunicative, che con la luce aiutano aziende in tutto il mondo a trasmettere la loro identità e i loro messaggi in modo mirato.

    Stefan von Terzi, direttore marketing di Zumtobel, sottolinea: “In un mondo che vive di cambiamenti, la buona riuscita di una soluzione illuminotecnica non dipende più soltanto dalla validità degli apparecchi e dei loro comandi bensì soprattutto dalla loro capacità di adattarsi, di soddisfare le aspettative dei clienti. Per noi questo significa proporre una luce con una nuova qualità: una luce che sa reagire in modo intelligente ai cambiamenti, agli ambienti che variano, alle preferenze degli utenti. Sempre con la volontà di garantire ai nostri clienti una luce della miglior qualità e con la migliore efficienza energetica possibile.”

    Zumtobel. La luce.

  • 04/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Un luminoso salone interrato

    L’ampliamento del museo Städel a Francoforte

    Sin dall’inizio l’aspetto illuminotecnico è stato quello più importante nell’ampliamento sotterraneo del museo Städel Museums a Francoforte. Collaborando con gli architetti dello studio schneider+schumacher e con i lighting designer dello studio Licht Kunst Licht, Zumtobel ha fornito una soluzione speciale realizzata su misura. Rispettando in pieno gli aspetti conservativi e con una luce diventata parte integrante dell’architettura.

    Più informazioniMeno informazioni
    La nuova ala espositiva, da 3.000 m2 di superficie, si trova sotto il giardino del palazzo centrale. Un soffitto di aspetto elegante e leggero ricopre il salone alto 8,20 m. Sebbene interrata, la nuova costruzione si nota anche da fuori. Infatti il giardino ora ha assunto una forma leggermente convessa, anche se comunque percorribile, caratterizzata da una geometrica disposizione di lucernari circolari che servono ad illuminare gli spazi sottostanti.

    Il soffitto del sotterraneo, leggermente incurvato verso l’alto, è scandito da 195 lucernari rotondi di diametri che vanno da 1,5 a 2,5 m. Il salone ne ricava luce diurna e anche artificiale: i lucernari integrano infatti elementi anulari con LED di colorazione calda (2700K) e fredda (5000K). Si tratta di una soluzione speziale che Zumtobel ha sviluppato insieme ai lighting designer dello studio Licht Kunst Licht e agli architetti dello studio schneider+schumacher. Nelle ore serali, oppure quando il cielo è coperto, l’impianto di LED assicura un’illuminazione omogenea delle opere esposte.

    “La richiesta di una luce di prima qualità, di resa cromatica e distribuzione eccellenti, l’esigenza di integrare l’impianto nell’architettura e di tener conto degli aspetti conservativi, tutto questo ha costituito una grande sfida per il nostro team”, precisa Reinhardt Wurzer, direttore del reparto International Projects, Zumtobel Lighting. “Ci è stato affidato il compito di risolvere questa complessa problematica con una soluzione illuminotecnica globale. È stata la nostra esperienza in soluzioni su misura e la collaborazione con architetti e lighting designer a consentirci di sviluppare questo impianto LED molto particolare. Abbinando la tecnologia LED a comandi intelligenti siamo riusciti a ideare una concezione assolutamente individuale e flessibile, in grado di garantire la luce migliore in qualsiasi momento.”

    Anche l’amministratore dello studio Licht Kunst Licht, Andreas Schulz, si dichiara soddisfatto: “Per un lavoro ben riuscito ci vuole una comunicazione intensa fra progettisti e produttori, un’intesa critica ed anche appassionata. Lo stupefacente risultato testimonia come tutto questo abbia funzionato bene.”

    Il salone sotterraneo è suddiviso in piccoli spazi espositivi separati da pareti divisorie. Ad essi corrispondono i lucernari che li ricoprono, in modo tale da consentire un adattamento molto selettivo delle condizioni di luce. Con l’impianto studiato su misura da Zumtobel è possibile esporre in un certo spazio opere altamente delicate, come ad esempio disegni su carta, e immediatamente accanto avere un altro spazio dove ci sono sculture. Infatti gli illuminamenti si ripartiscono da ogni singolo lucernario in funzione delle esigenze. Se c’è bisogno di esaltare singoli oggetti o pareti, si attivano faretti di proiezione Arcos LED provvisti di varie ottiche e collegati ai lucernari. Questi ultimi sono coperti da teli diffusori che diffondono verso il basso una luminosità omogenea.

    Volendo assicurare uno sfruttamento intelligente della luce diurna, i responsabili hanno scelto il sistema di gestione Luxmate Professional di Zumtobel: questo provvede a dosare la luce artificiale in funzione di quella naturale e allo stesso tempo anche in funzione della quantità massima di illuminamento che le opere esposte possono sopportare. A tale scopo, sul tetto del museo è montato un eliometro che rileva la luminosità esterna e fornisce i dati al calcolatore. Il sistema non ha problemi nemmeno a modificare le impostazioni se le pareti divisorie vengono spostate. Formando spazi virtuali, i lucernari ad essi assegnati ricevono i corrispondenti comandi.

    Inoltre ogni lucernario è provvisto di una schermatura che serve ad attenuare la luce diurna dove le opere vadano protette. Si tratta di serrande che si movimentano a quattro livelli, fino al completo oscuramento. La loro posizione è guidata dal sistema di comando che la decide a seconda della posizione del sole e della luminosità esterna. I lucernari dispongono anche di fotosensori interni che trasmettono ai gestori eventuali situazioni anomale, per esempio un lucernario ricoperto dalle foglie. Di conseguenza la luce ideale è sempre assicurata, e con essa le condizioni per fruire dell’arte nel migliore dei modi.

    Zumtobel. La luce.

    Per ragioni di copyright la pubblicazione delle foto all’interno è subordinata all’approvazione da parte della società di competenza.
    Photo Credits: Zumtobel, © VBK Wien 2012

  • 04/2012
    Azienda

    Luminale 2012 a Francoforte

    Zumtobel sostiene due progetti della biennale di cultura della luce

    È ormai la sesta volta che in parallelo alla Light+Building si svolge la Luminale, un evento unico sia per il pubblico che per gli abitanti. Quando si fa buio prendono vita 160 installazioni luminose che avvolgono Francoforte in un’atmosfera del tutto nuova. Zumtobel sponsorizza due progetti: il primo consiste nella realizzazione di uno spazio interattivo, di luce e di suono, allestito in una nave container che staziona sul Meno, poco distante dal museo Städel appena inaugurato. Il secondo progetto riguarda il grattacielo di uffici TaunusTurm, attualmente in costruzione, la cui particolare forma della punta viene astrattamente messa in scena con linee luminose bianche.

    Più informazioniMeno informazioni

    Dal 15 al 20 aprile 2012, in contemporanea alla Light+Building, a Francoforte si svolge anche la Luminale. Si tratta di un evento in grande stile, una biennale della cultura della luce che propone 160 installazioni artistiche. Zumtobel ha sempre partecipato a questa strepitosa manifestazione che quest’anno si ripete per la sesta volta.

    Il direttore marketing di Zumtobel, Stefan von Terzi, dichiara: “Il legame tra luce, arte e cultura costituisce da sempre parte integrante della filosofia del nostro marchio. Per questo ci fa grande piacere seguire ben due progetti. L’evento abbinato alla Light+Building ci dimostra ancora come la luce possa dare nuovo fascino agli spazi in cui viviamo.”

    La Luminale si svolge in diverse località nei dintorni di Francoforte. Tra le città che vi partecipano figurano Aschaffenburg, Mainz, Offenbach e Darmstadt. I teatri principali dell’evento sono comunque Francoforte, con un centinaio di installazioni luminose, e Offenbach con una quarantina. Vi saranno artisti di fama internazionale che trasformano strade, grattacieli, chiese, facciate e musei in spettacolari composizioni notturne.

    Uno dei due progetti seguiti da Zumtobel è una nave portacontainer ormeggiata sulle sponde del Meno. Qui viene presentato uno spazio interattivo sotto forma di installazione di luci e suoni: ne sono autori il corso master “Comunicazione nello spazio”, della facoltà di architettura di interni dell’Università di Mainz, e il corso master “Arte del comporre i suoni” dell’Accademia di musica Johannes Gutenberg dell’Università di Mainz. L’installazione “resonate” sfrutta le imponenti murate di ferro della nave come cassa di risonanza di una serie di corde elastiche che si compongono formando oggetti interattivi. Facendo ruotare questi oggetti, il visitatore modifica la tensione e la posizione delle corde. Con una rete di linee luminose l’installazione diventa un’avvolgente esperienza di suono e di luce. Per informazioni sul progetto “Resonate” consultate » www.resonate.iamainz.de

    Il secondo progetto si trova nel quartiere delle banche di Francoforte. Qui è attualmente in costruzione il grattacielo di 40 piani TaunusTurm. Sarà ricoperto da una facciata di pietre naturali e riceverà la certificazione internazionale LEED Standard platino in virtù della sua concezione sostenibile. In occasione della Luminale, sul grattacielo troverà posto una scultura luminosa ideata dai lighting designer dello studio Lichtvision GmbH, dall’artista Laura Bernadet e dalla società immobiliare Tishman Speyer. Si tratta di una composizione di sottili linee luminose bianche che disegnano astrattamente la punta del grattacielo non ancora finito. Pertanto, grazie agli apparecchi resi disponibili da Zumtobel, l’originale profilo del futuro grattacielo sarà visibile in anteprima.

    Zumtobel. La luce.

  • 03/2012
    Prodotti

    Ben due premi red dot award al design dei prodotti Zumtobel

    Doppio successo per Zumtobel nel concorso “red dot award: product design 2012”.
    Più informazioniMeno informazioni
    La giuria ha promosso i faretti LED Iyon e le file continue LED Tecton apprezzandone il design d’alto livello e l’efficienza della tecnologia. Di principio gli apparecchi d’illuminazione Zumtobel sono studiati per dare all’uomo la miglior luce possibile, nella consapevolezza che un buon design nasce dal riguardo per le esigenze degli utenti. Il premio red dot award conferma ancora la qualità nell’innovazione e nello stile dei prodotti Zumtobel.

    Iyon – serie di faretti LED
    Nei faretti Iyon le due prerogative che colpiscono a prima vista sono la modernissima tecnologia LED e la raffinatezza del design, firmato dallo studio Delugan Meissl Associated Architects. Alla morbida eleganza delle forme si accompagna un’estrema funzionalità. L’esclusivo sistema di lenti e riflettori rende possibili accenti brillanti con diversi angoli di emissione.

    Tecton – file continue LED
    Il sistema di file continue Tecton di Zumtobel offre ad architetti e progettisti uno strumento con cui realizzare facilmente un impianto unitario per le funzioni illuminotecniche più svariate. Le nuove versioni Tecton LED possono essere installate nel binario precablato a undici poli conservando tutta la flessibilità e compatibilità del sistema. Altrettanto vale per il montaggio semplice e senza utensili, tipico di Tecton. Design: Billings Jackson Design.

    Zumtobel. La luce.
  • 03/2012
    Azienda

    Luce di una nuova qualità per l’ambiente e per l’uomo

    Le novità della Zumtobel alla light+building
    La Zumtobel, partecipante al salone di illuminotecnica light+building che si svolgerà quest’anno a Francoforte dal 15 al 20 aprile, presenterà nel suo stand B30/B31 del padiglione 2.0 innovative soluzioni illuminotecniche apportatrici di una luce migliore sia per l’uomo che per l’ambiente.
    Più informazioniMeno informazioni
    In sintonia con il motto «Your Light in a World of Change», la Zumtobel rivolge la sua attenzione ai cambiamenti globali e alle loro ripercussioni sulla nostra vita quotidiana e sul nostro ambiente di lavoro. Per le aziende e le organizzazioni di tutto il mondo la qualità dello spazio e della luce è sempre di più un fattore chiave per avere successo nell’adempimento dei propri compiti fondamentali. In un mondo soggetto al cambiamento la Zumtobel vede la necessità di una nuova qualità della luce, di soluzioni illuminotecniche capaci di sintonizzarsi in modo intelligente e personalizzato sulle esigenze che emergono di volta in volta, creando un valore aggiunto per il cliente, ma rimanendo allo stesso tempo in armonia con l’ambiente.

    Le novità della Zumtobel
    I requisiti odierni che uffici, negozi, enti sanitari o musei sono chiamati ad adempiere richiedono soluzioni illuminotecniche capaci di evolversi, soluzioni capaci di adattarsi alle molteplici sfide architettoniche e di garantire un livello di benessere adeguato. Le soluzioni e le idee che la Zumtobel presenta alla light+building mettono in risalto i vantaggi per il cliente. Lo stand della Zumtobel, installato su una superficie di 780 metri quadrati, catalizza l’attenzione dei visitatori grazie alla suggestiva cornice architettonica all’interno della quale viene presentato il tema della luce e alla qualità dell’allestimento. La luce viene proposta come protagonista di un giro che conduce i visitatori attraverso ambienti di lavoro e situazioni quotidiane di vari tipi. Per ciascun campo di applicazione la Zumtobel presenta le tendenze e i requisiti principali. Al visitatore viene dimostrato come delle soluzioni illuminotecniche adattative, combinate con dei moderni sistemi di controllo, siano in grado di aumentare il benessere e l’efficienza, di tagliare i costi e di creare identità e valore aggiunto.

    In ciascun campo di applicazione la Zumtobel presenta nuovi prodotti e ampliamenti di prodotto in grado di generare un vantaggio incomparabile per il cliente in termini sia di qualità che di funzioni:

    • Il Gruppo Zumtobel è la prima azienda del settore illuminotecnico ad accludere delle dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD = Environmental Product Declaration) ai prodotti dei marchi Zumtobel, Thorn e Tridonic. Nelle schede tecniche ecologiche, conformi alle norme internazionali, sono documentati tutti gli aspetti di un prodotto capaci di influenzare l’ambiente: emissioni di CO2, quota riciclabile, composizione dei materiali ecc. E questo in tutto il ciclo di produzione e per tutta la durata del prodotto. Con la presentazione delle nuove EPD la Zumtobel sottolinea il suo obiettivo: contribuire ad una produzione sostenibile di apparecchi con il massimo valore d’uso.

    • Un esempio delle molteplici possibilità di allestimento dell’illuminazione per musei è il faretto proiettore LED Arcos che consente di valorizzare il museo con accenti di luce originali. Ad entusiasmare la fiera riuscirà anche il sistema di luce LED Microtools, cui recentemente è stato assegnato il premio iF Gold, con la sua immagine minimalistica e la qualità brillante della sua luce, adatta a qualsiasi tipo di illuminazione per vetrine e scaffali.

    • Ma gli apparecchi LED della Zumtobel dimostrano le loro grandi capacità anche nel campo dell’illuminazione di emergenza con ben tre nuovi apparecchi di segnaletica di salvataggio ONLITE, mettendo al servizio dei clienti apparecchi dal design moderno e funzionale con qualità di luce ottima ed altissima efficienza sul piano energetico.

    • Un’ulteriore novità della fiera è costituita dall’unità di controllo Litenet Tunable White. Alle complesse soluzioni illuminotecniche in funzione della luce diurna, possibili fino ad oggi, si aggiunge ora una gestione luce ampliata ulteriormente grazie a nuovi controlli luce dinamizzati in funzione della temperatura del colore.

    Stefan von Terzi, direttore del reparto marketing della Zumtobel, sottolinea: «In un mondo caratterizzato dal cambiamento la luce deve essere capace di adattarsi. Per noi questo significa presentare ai nostri clienti una nuova qualità della luce: una luce capace di reagire automaticamente e intelligentemente e di adattarsi intuitivamente ai cambiamenti dell’ambiente e alle esigenze dell’utente. Con la prima pubblicazione delle nostre dichiarazioni ambientali di prodotto dimostriamo inoltre il nostro senso di responsabilità nei confronti dell’ambiente e dell’essere umano. Entrambi i fattori, combinati, sottolineano il nostro desiderio di offrire ai nostri clienti la massima qualità della luce possibile ad un grado di efficienza sul piano energetico ottimale, in quanto partner competenti a livello mondiale per soluzioni illuminotecniche orientate verso il futuro.»

    Zumtobel. La luce.

  • 02/2012
    Azienda

    iF product design award 2012 a tre prodotti Zumtobel

    Il sistema LED Microtools vince il premio iF gold award
    Ancora una volta Zumtobel dà prova della sua competenza nel design al concorso iF International Forum Design. Sono infatti ben tre i prodotti Zumtobel che il 10 febbraio 2012 sono stati premiati con l’iF product design award.
    Più informazioniMeno informazioni
    Il primo di questi è il sistema LED Microtools, piaciuto in particolar modo alla giuria per il suo linguaggio minimalista e vincitore di uno dei 100 ambiti iF gold awards. Le testate LED di questo sistema sono attualmente le più piccole che si possano trovare sul mercato: Microtools pertanto, con il suo design e la sua luce d’alta qualità, offre un nuovo modo di illuminare i negozi con i requisiti più moderni. Gli altri prodotti premiati per il design e per l’efficientissima illuminotecnica sono il sistema di faretti Iyon e l’apparecchio rotondo Ondaria.

    Il direttore del marketing Zumtobel Stefan von Terzi dichiara: „Ogni prodotto Zumtobel nasce dalla nostra ricerca della luce migliore per l’uomo e per l’ambiente. Conoscere a fondo le applicazioni e le aspettative degli utenti rappresenta per noi il punto di partenza di un design ben riuscito. Per questo il disegno dei nostri prodotti, spesso realizzati insieme a designer esterni, non è mai una questione meramente formale bensì espressione del nostro marchio e dei nostri valori. Il fatto che il premio iF sia assegnato contemporaneamente a diversi nostri prodotti testimonia la validità della nostra filosofia, la qualità stilistica e la capacità innovativa di Zumtobel quale produttore mondiale leader nelle soluzioni illuminotecniche professionali. Ce ne rallegriamo insieme ai nostri designer e ringraziamo sentitamente la giuria del premio iF.“

    I premi iF awards sono considerati fra i più prestigiosi al mondo in tema di design. Vengono assegnati da giurie indipendenti e internazionali, formate da designer, imprenditori e professori di chiara fama che seguono criteri ben precisi. Ogni anno viene premiato il miglior design di aziende innovative in varie categorie. In altre parole il premio iF award è un indicatore dei futuri sviluppi del design e delle innovazioni. Quest’anno si sono candidati complessivamente 1.600 candidati internazionali per un totale di 4.322 prodotti. Di questi ne sono stati premiati 1.218. Saranno esposti alla iF design exhibition, dal 6 al 10 marzo 2012 ad Hannover, e per la prima volta anche in una mostra che verrà allestita nella seconda metà del 2012 nella HafenCity di Amburgo e che rimarrà aperta diversi mesi.

    Microtools – sistema luminoso LED
     » Microtools è un sistema modulare LED caratterizzato dalla linea minimalista e da una lavorazione d’altissima qualità, in alluminio anodizzato color argento. È concepito appositamente per l’illuminazione di scaffali: si può incassare o montare esternamente, si presta al fissaggio su legno, vetro e metallo. Il programma prevede vari moduli, combinabili con facilità, per differenziare l’illuminazione generale e d’accento. Le testate a snodo cardanico sono fra le più minuscole attualmente disponibili sul mercato. L’anello frontale sporge di soli 4 mm dagli spot LED di potenza 1,1 W. Con la sua eccellente resa cromatica (Ra > 90), Microtools mette elegantemente in risalto anche i dettagli più piccoli pur senza farsi notare.

    Iyon – serie di faretti LED
    I faretti  » Iyon sono sinonimo della tecnologia LED più avanzata in un design esclusivo, firmato dallo studio Delugan Meissl Associated Architects. È soprattutto la linea pulita dell’armatura a conferire al faretto una sobria eleganza oltre che estrema funzionalità. Il raffinato design nasconde un esclusivo sistema di lenti e riflettori per una luce d’accento precisa e brillante, con diverse caratteristiche di emissione. I flussi luminosi della versione Stable White - da 1.000 a 1200, da 1.700 a 2.100 e da 2.300 a 2.800 Lumen - sono in grado di sostituire con efficienza lampade HIT fino a 50 W. L’eccellente qualità di resa cromatica Ra > 90 assicura un’illuminazione del massimo livello, autentica e naturale. L’armatura in pressofusione di alluminio è studiata per la dissipazione passiva dei moduli LED.

     
    Ondaria – apparecchio opale rotondo
    In questo apparecchio rotondo il design (Stefan Ambrozus) e l’effetto di luce parlano lo stesso linguaggio: la superficie luminosa, in posizione arretrata e concava, perfeziona la morbidezza della forma e ne sottolinea l’aspetto tridimensionale. » Ondaria si presenta con una luminosità omogenea che tiene nascoste alla vista le sorgenti – tradizionali o LED – diffondendo un’atmosfera di armonia. Se montato ad incasso ricava una leggera retroilluminazione lungo la fuga. Il programma prevede tre misure e possibilità di montaggio ad incasso, plafone o sospensione, in modo da adattarsi con flessibilità alle diverse concezioni degli ambienti.

    Zumtobel. La luce.

    B1: © Roman Thomas
  • 02/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Sentirsi bene al lavoro

    Uffici ad efficienza energetica con l’insieme di luce naturale e artificiale
    Posti di lavoro dove sentirsi bene: nel nuovo quartier generale del gruppo HDI l’architettura e l’illuminazione moderna mettono a proprio agio, con una luce di qualità eccellente.
    Più informazioniMeno informazioni
    Numero crescente di impiegati e bisogno di unire diverse filiali in un’unica sede: queste le ragioni che hanno spinto la compagnia assicurativa HDI-Gerling a costruire un nuovo quartier generale nella periferia a nordest di Hannover. La gara bandita allo scopo è stata vinta dallo studio ingenhoven architects con un progetto di complessivi 75.000 m². Dall’atrio centrale si dipartono le sezioni di uffici disposte come un mulino a vento. La sobria eleganza della costruzione colpisce a prima vista: „Non volevamo un palazzo tipico delle assicurazioni“, ha dichiarato il direttore generale Christian Hinsch presentando la struttura di sei piani destinata a 1850 dipendenti, „ma non potevamo neanche sminuirci.“

    Il committente voleva un edificio rappresentativo, con posti di lavoro di livello adeguato, ma gli premeva anche che il consumo delle risorse e dell’energia fosse minimo. Tra gli elementi essenziali di questa concezione ecologica troviamo vetrate triple, attivazione termica di soffitti e davanzali, impianti di scambio termico derivante dall’atrio progettato come compensazione climatica, pompe geotermiche per riscaldamento e climatizzazione – ed anche soluzioni illuminotecniche Zumtobel, efficienti e flessibili, in tutti gli uffici.

    Interni inondati di luce diurna
    Al piano terra le vetrate coprono l’intera altezza delle sale; gli spazi sono accuratamente suddivisi in modo da intrecciarsi con il paesaggio circostante. Tutto questo fa apparire la struttura estremamente trasparente e leggera: un’impressione che si ricava fin dal primo momento, entrando nell’atrio. Qui il vetro e l’elegante struttura d’acciaio che sorregge un soffitto trasparente porta la luce ovunque. L’ambiente non serve solo per ricevere ma anche per ospitare manifestazioni con un pubblico di 1500 persone, funge da caffetteria e da punto d’incontro informale, oltre naturalmente che dare accesso a tutti gli uffici adiacenti.

    In ogni piano il passaggio tra atrio e uffici è definito da nuclei centrali, come incapsulati, dove trovano posto le scale di sicurezza, i locali secondari e i meeting points. Da qui si diramano i corridoi degli uffici, che gli architetti hanno concepito interamente con pareti di vetro anche per simboleggiare la cultura aziendale HDI, incentrata sull’apertura. Davanzali bassi e vetrate portano la luce diurna fin dentro alle parti più interne dell’edificio.

    Impianto illuminotecnico unitario in tutti i reparti
    Gli architetti hanno studiato la concezione illuminotecnica collaborando con Zumtobel e con lo studio Tropp Lighting Design. La richiesta era di trovare un sistema efficiente, flessibile, estetico e con comandi intelligenti che doveva funzionare in tutti gli uffici senza bisogno di integrazioni. Sono stati scelti apparecchi Ecoos di doppia lunghezza, disposti lungo gli assi dei locali. In totale l’impianto conta 3996 apparecchi. Una moderna unità di comando permette di dosare la luce artificiale nella misura strettamente necessaria. Gli automatismi predefiniti lasciano comunque la piena libertà di intervento manuale: cosa indispensabile ai fini del gradimento degli utenti.

    Flessibilità ed efficienza energetica anche nelle configurazioni future
    La facilità con cui si montano e si smontano gli apparecchi modulari Ecoos costituisce la premessa migliore per modificare la pianta senza problemi – ad esempio suddividendo locali grandi in unità più piccole. Per poter realizzare scene di luce particolari, negli uffici direzionali e nelle sale di riunione più grosse sono installati apparecchi in una variante con downlights LED centrali e laterali.

    Gli apparecchi Ecoos sanno risparmiare energia in gran quantità soprattutto grazie alla sapiente composizione di luce diretta, indiretta e laterale. Le lampade fluorescenti impiegate assicurano ottima efficienza luminosa e piacevoli colorazioni della componente diretta. Fa da contraltare il rifrattore che diffonde un’omogenea luminosità generale riflessa dal soffitto. La valida tecnologia MPO+ assicura ulteriore flessibilità riducendo al minimo l’effetto abbagliante delle sorgenti: in tal modo l’apparecchio può essere collocato anche direttamente sopra il posto di lavoro.

    Di principio la sede del gruppo HDI è stata progettata seguendo le direttive della società tedesca per l’edilizia sostenibile (DGNB). Tuttavia il committente, in qualità di proprietario e utente, ha rinunciato al processo di certificazione ufficiale investendo invece i relativi costi in ulteriori provvedimenti ecologici. Ne beneficiano anche le zone meno rappresentative, come ad esempio corridoi e scale, realizzate in uno stile elegante con raffinato cemento a vista e apparecchi Linaria incassati a filo.

    Zumtobel. La luce.

     

    Committente: HDI Gerling AG, Hanover/D
    Architetti:
    Ingenhoven architects, Düsseldorf/D
    Progetto illuminotecnico:
    Tropp Lighting Design GmbH, Weilheim/D
    Progetto elettrotecnico:
    ZWP Ingenieur-AG, Cologne/D
    Installazioni elettrotecniche: 
    Bauer Elektroanlagen GmbH, Halle (Saale)/D
    Soluzione illuminotecnica:
    Zumtobel
    » apparecchio a sospensione ECOOS
    » sistema luminoso LED SUPERSYSTEM
    » apparecchio da incasso MIREL
    » supporto LINARIA
    » luce di sicurezza LED RESCLITE
  • 01/2012
    Soluzioni illuminotecniche

    Uno shopping che è un piacere

    La casa di moda Vockeroth sfrutta la moderna tecnologia LED
    Con il moderno impianto LED di Zumtobel si risparmia il 25 % di costi energetici rispetto all’impianto precedente.
    Più informazioniMeno informazioni
    Da qualche tempo una delle 36 filiali della casa di moda Vockeroth, quella di Nordhausen, si presenta in nuova luce. È una moderna concezione LED a mettere in scena i 1400 m² del negozio. L’amministratore delegato Joachim Vockeroth spiega: „Puntavamo ad un’illuminazione moderna, più confortevole per il cliente e più genuina nel presentare gli oggetti in vendita, ma volevamo anche ridurre il consumo energetico. La soluzione che Zumtobel ha sviluppato per noi sembra coniugare i due aspetti in modo ideale.“  

    La nuova soluzione illuminotecnica adottata dalla filiale, in confronto ad un impianto con lampade convenzionali, fa risparmiare il 25 per cento di costi energetici. E non solo: calano anche i costi di esercizio visto che i LED hanno un ciclo di vita di 50.000 ore senza bisogno di manutenzione. Inoltre la tecnologia Stable White (uno speciale sistema di miscela), utilizzata negli apparecchi LED di Zumtobel, garantisce che la qualità di luce rimanga stabile per tutta la durata dell’impianto. „Tenendo conto di tutti questi aspetti, il tempo di ammortamento diventa relativamente breve, circa quattro anni. È questo che ci ha spinti ad investire“, precisa Joachim Vockeroth.

    Già dall’esterno la casa di moda completamente ristrutturata si presenta ai passanti in modo amichevole e invitante. Nel soffitto sono inseriti grandi apparecchi rotondi che diffondono una luce morbida in tutta la zona d’entrata. Proseguendo all’interno del negozio, moderno e luminoso, si trovano downlights e faretti LED che incorniciano i prodotti in accenti vivaci, tali da incuriosire. Combinati alla luce estensiva e diffusa, gli accenti generano interessanti contrasti. I downlights LED iniziano dall’ingresso e continuano all’interno, attirando inevitabilmente lo sguardo verso le parti più in fondo ai locali. L’illuminazione installata è in armonia con la struttura dell’ambiente ed assume anche una piacev ole funzione di orientamento per i clienti.

    I reparti di abbigliamento da uomo e donna, suddivisi in diverse zone, richiedevano un’illuminazione d’accento che sapesse valorizzare adeguatamente ogni tipo di capo, jeans sportivi o gonne colorate, camice eleganti o eccentrici accessori Young Fashion. Zumtobel ha trovato la risposta giusta con l’ancor giovane serie di faretti LED Iyon combinati al sistema luminoso Cardan LED. Il raffinato design dei faretti Iyon nasconde un esclusivo sistema di lenti e riflettori che dà come risultato un’illuminazione d’accento precisa ed omogenea, con varie caratteristiche di emissione. La stabile temperatura di colore calda (3000 K) e l’eccellente resa cromatica (Ra>90) mettono in risalto i diversi colori delle stoffe evidenziandone con freschezza l’autenticità.

    Anche in corrispondenza delle casse si è cercata un’illuminazione omogenea curando il design dell’impianto. Come già nell’ingresso, si sono scelti apparecchi rotondi in sospensione, forniti in una finitura particolare che sottolinea l’immagine del marchio: i bordi dell’armatura sono infatti neri, in sintonia con il soffitto scuro e in elegante contrasto il bancone. Il morbido linguaggio formale dell’apparecchio rotondo Ondaria di Zumtobel risulta perfetto in zone rappresentative di questo tipo.

    Un sistema illuminotecnico completo non rinuncia all’illuminazione di sicurezza. In questo progetto sono stati scelti spot LED Resclite, molto compatti e praticamente invisibili nella quotidianità. Se però ce n’è bisogno, sanno accompagnare verso l’uscita con assoluta sicurezza: si riconoscono da 23 metri di distanza e consumano veramente poco, solo 5 Watt. Danno un buon senso di sicurezza anche gli apparecchi segnaletici Comsign, caratterizzati da vetro acrilico trasparente e alluminio anodizzato che si integrano con armonia in un ambiente rappresentativo.

    Zumtobel. La luce.

     

    Informazioni sul progetto:
    Modehaus Vockeroth, Nordhausen/D
    Committente:
    Bekleidungshäuser K. Vockeroth GmbH, Melsungen/D
    Progetto e installazioni elettrotecniche:
    Electronic ELT GmbH, Nordhausen-Salz/D
    Soluzione illuminotecnica:
    Zumtobel
    » apparecchio da incasso ONDARIA
    » Downlight LED PANOS INFINITY
    » faretto LED IYON
    » sistema d’illuminazione CARDAN LED
    » apparecchio di sicurezza RESCLITE
    » segnaletica di sicurezza COMSIGN

Filtro Notizie Stampa

  • Azienda
  • Soluzioni illuminotecniche
  • Prodotti
  • Manifestazioni

RSS-Feed

Sempre aggiornati perfettamente: Zumtobel vi offre la possibilità di abbonarvi gratuitamente ai comunicati stampa più attuali tramite un RSS-Feed.

» RSS-Feed

Video

Troverete qui vari materiali video da guardare e integrare nel vostro sito web:
» Canale Youtube Zumtobel
PAESE
SOCIAL MEDIA

LLP

Partner di soluzioni illuminotecniche

Più successo con soluzioni illuminotecniche professionali ed efficienti: Zumtobel informa ed assiste elettricisti selezionati qualificandoli nella materia della luce.
Vai al portale LLP

LCP

Lighting Competence Program

Il programma Zumtobel per partner progettisti elettrotecnici è ideato per sommare le vostre e le nostre competenze in modo da sfruttare i potenziali della luce e anche da semplificare il lavoro quotidiano di progettazione.
Vai al portale LCP

LDP

Lighting Design Program

Questo programma di partner Zumtobel è sviluppato specificamente per architetti che si occupano di luce e che cercano un valido supporto con informazioni di prima mano.
Vai al portale LDP
Maggiori informazioni sui programmi