Salute e cura

Salute e cura

Referenze

Salute e cura

Studio

Qualità di vita migliore per anziani affetti da demenza

All’interno di un’unità abitativa per anziani affetti da demenza senile è stato installato un impianto illuminotecnico con regolazione di intensità e colorazione della luce: lo scopo era studiarne sistematicamente gli effetti sullo stato di benessere e sulle attività sociali dei degenti.

Salute e cura

La luce migliore per la salute

Ridurre i costi
Comporre l’ambiente
Dare sostegno alle persone

Salute e cura

Valore aggiunto 1: dare sostegno alle persone

Concezione integrale per una luce ad efficacia biologica
  
  • I comandi individuali vanno incontro alle preferenze dei singoli
  • Il personale medico dispone delle giuste condizioni di lavoro
  • La luce aiuta ad abbattere le paure e ad interagire socialmente
  • Nelle case di cura un sistema di comando che integri la luce diurna con quella artificiale aiuta a scandire il ritmo circadiano e a stabilizzarlo
Introduzione al riposo serale
Di giorno con il cielo coperto
Di giorno con il sole alto
Impulso mattutino

Salute e cura

Valore aggiunto 2: comporre l’ambiente

Comporre l’ambiente
 
  • Luce e architettura esprimono l’immagine di ospedali e case di cura
  • I pazienti e il personale si identificano di più con l’ambiente
  • Le zone illuminate in modo mirato uniscono le persone (studio St. Katharina)
  • Scene di luce calibrate sui diversi momenti di vita e di lavoro

Salute e cura

Valore aggiunto 3: ridurre i costi

Ridurre i costi
  
  • Gli apparecchi d’illuminazione vanno accesi al momento giusto, nel posto giusto e nella giusta quantità
  • Una gestione ottimizzata della luce abbassa i costi d’esercizio e tutela le risorse
  • Una luce adeguata favorisce il lavoro del personale
  • Le concezioni efficienti nei costi non sacrificano la qualità di vita né il processo di guarigione

Salute e cura

Esempio di progetto in sala d’attesa

  • Soluzione tunableWhite con illuminamenti e temperature di colore che cambiano seguendo la luce naturale
  • Illuminazione diffusa ed estesa che integra perfettamente la mancanza di luce nelle zone più lontane dalle finestre
  • Atmosfera aperta con l’aggiunta di luminanze sulle pareti
ONDARIA
Apparecchio estensivo opale

Salute e cura

Esempio di progetto in sala di visite mediche

  • Innovativa limitazione dell’abbagliamento
  • Grande uniformità
  • Ombreggiatura equilibrata
  • SUPERSYSTEM come elemento aggiuntivo per migliorare l’ambiente
LIGHT FIELDS evolution

Salute e cura

Esempio di progetto in sala operatoria

  • Illuminazione estensiva per compensare la mancanza di luce diurna
  • La concezione illuminotecnica è studiata per concentrare la luminosità intorno alla zona operatoria
  • CLEAN SUPREME è un apparecchio per ambienti controllati, certificato a norma DIN EN ISO 14644-1 per le classi da 3 a 9
CLEAN supreme LED

Salute e cura

Esempio di progetto in camera di degenza comfort

  • Sistema modulare a parete
  • Alimentazione di luce, corrente, gas medicinali e moderni sistemi di comunicazione
  • Favorisce un’atmosfera accogliente
IMWS

Salute e cura

Esempio di progetto in camera di degenza standard

  • Ottimizzata per illuminazione flessibile in camere di degenza
  • Sistema tecnologico di alimentazione
  • Design moderno e slanciato
  • Si adatta ai diversi layout
  • Possibilità di integrare la funzione tunableWhite
SINUS LED
Unità di alimentazione modulare LED

Salute e cura

Esempio di progetto in corridoio

  • Linea luminosa di perfetta omogeneità
  • Praticità di montaggio e composizione flessibile
  • Si inserisce con eleganza in ogni contesto architettonico
SLOTLIGHT

Salute e cura

Più informazioni su Salute e cura
+

Progetti di riferimento

Ospedale privato Montefiore
Hove, Inghilterra
Committente: Spire Health Care (UK)
Architetto: Nightingale Associates (UK)
Illuminotecnica: Hamson JPA (UK)
Fotografie: Redshift Photography
L’ambizione di questo progetto, con sede a Hove, era trasformare un vecchio edificio vittoriano in un ospedale privato.

Originariamente costruito come magazzino per mobili per i grandi magazzini di Hannington negli anni '90 del 1800, l’edificio è stato ampliato negli anni '30 del secolo scorso e convertito in uffici negli anni '70.

Con le sue piastrelle scaglionate (rivestite di amianto), ripide rampe interne, i nuclei di servizio fissi e i noiosi decori, sarebbe stato un compito complesso, che rappresentava un affascinante problema architettonico.

Zumtobel, in collaborazione con Hamson JPA e Nightingale Associates, ha avuto l’impegnativo compito di creare un design relativo all’illuminazione che soddisfacesse completamente l’indicazione del cliente di creare l’aspetto e la sensazione di un hotel moderno e sofisticato piuttosto che di un ospedale.

Gli apparecchi d’illuminazione Zumtobel hanno del tutto messo in atto questa indicazione in tutto l’edificio. Nella zona reception, gli apparecchi d’illuminazione regolabili ARCOS consentono un cambiamento totale del colore a seconda dell’opera d’arte esposta di artisti locali.

Nelle stanze dei pazienti, l’aspetto sobrio di BELIA si fonde nei pannelli di legno, mantenendo in pieno la propria funzionalità.

In tutti gli uffici, gli apparecchi d’illuminazione a risparmio energetico e antiriflesso LUCE MORBIDA IV hanno modernizzato tutto l’aspetto degli uffici amministrativi.

Le linee d’illuminazione SLOTLIGHT II e i downlight PANOS con riflettori bianchi si fondono discretamente e in modo unico nei corridoi dell’ospedale.

La funzionalità è anche stata resa possibile dal pannello di comando tattile Zumtobel EMOTION, che consente all’utente di modificare scene di luce a seconda della funzione richiesta e del momento della giornata.

Zumtobel. La luce.

share it


Luce per la sanità e l’assistenza
Casa di riposo
Maldegem, Belgio
Committente: Comune di Maldegem, Maldegem (BE)
Architetto: AIKO Architecten & Ingeineur, Maldegem (BE)
La luce rende attivi

Quella della località belga di Maldegem è una soluzione esemplare: un luogo dove gli anziani possono vivere stando a proprio agio, un luogo che offre soprattutto qualcosa di importante, e cioè molta luce.
Con una buona ragione: è infatti dimostrato scientificamente che il ritmo circadiano sonno/veglia si stabilizza con una quantità di luce sufficientemente alta. Dal momento che gli anziani, soprattutto quelli non autosufficienti, trascorrono poco tempo all’aperto, la soluzione migliore è portare la luce da loro.

Il progetto belga è un campus di 10.000 metri quadrati in cui trovano posto tre strutture collegate. Quella centrale è un luminoso edificio nuovo da cui si accede allo spazioso ristorante. Si tratta dunque del fulcro della comunicazione per pazienti, ospiti e dipendenti. Qui i downlights diffondono una luce molto omogenea, integrata da accenti di faretti. L’impianto si regola nel modo preferito, in modo da poter essere adattato anche ad esibizioni teatrali o proiezioni di filmati.

Dalla caffetteria si accede agli altri due edifici, cadauno di due piani, caratterizzati dai mattoni tipici di questa regione e progettati appositamente per le particolari esigenze di chi li abita. Negli appartamenti dell’ala a sinistra gli ospiti si muovono autonomamente, anche se possono sempre ricorrere ai servizi di assistenza del reparto adiacente. Il blocco a destra ospita invece 124 camere per anziani non autosufficienti. Già l’ingresso si presenta con invitante allegria annullando l’effetto di un’atmosfera da ospedale. La luce diurna, presente in gran quantità, è compensata solo se necessario da apparecchi a sospensione rotondi e da apparecchi a parete con emissione indiretta. Il percorso che invita ad una passeggiata è contrassegnato da linee luminose SLOTLIGHT, mentre piccoli downlights LED evidenziano gli accessi alle camere. Gli apparecchi a parete riprendono i colori dei reparti facilitando l’orientamento. Le camere e le sale di intrattenimento disposte intorno a un cortile interno dispongono di finestre ad altezza pavimento che offrono uno scorcio di natura anche a chi non può muoversi. Dopo il tramonto entrano in azione apparecchi a luce diretta/indiretta per un’atmosfera benefica anche nelle ore serali.

Zumtobel. La Luce.

share it


Soluzione illuminotecnica:
Clinica universitaria di Amburgo-Eppendorf
Amburgo, Germania
Committente: Universitätsklinikum Hamburg-Eppendorf, Amburgo (DE)
Architetto: Nickl & Partner Architekten, Munich (DE)
Progettazione illuminotecnica: Ebert und Partner, Norimberga (DE)
Impresa generale: : Hochtief Construction AG, Essen (DE)
Luce per il corpo e per l’anima

Risparmiare costi e migliorare la qualità: in termini economici una contraddizione che i responsabili della sanità si trovano oggi a dover superare. Ma l’architettura e l’allestimento degli interni possono migliorare decisamente entrambi gli aspetti. L’architettura con una costruzione attenta alle risorse, all’efficienza energetica e ai processi organizzativi; l’allestimento degli interni con un’opportuna scelta di finiture, superfici, colori e luce che aiutino a stare a proprio agio accelerando il processo di guarigione.

Quello della clinica universitaria di Amburgo-Eppendorf, in breve UKE, è un progetto rivoluzionario nell’architettura degli ospedali. Nell’edificio trovano posto 16 sale operatorie con relativi reparti di terapie intensive e 700 posti letto. Tutti i reparti e i dispositivi terapeutici sono disposti in modo tale da abbreviare i percorsi di pazienti e addetti. Il personale pertanto lavora con efficienza e qualitativamente al massimo livello. Un altro punto di eccellenza sta nel considerare la guarigione del paziente non solo come risultato di una buona assistenza medica ma anche di una buona atmosfera in cui il paziente si senta a proprio agio. Per tale motivo le camere di degenza hanno pavimenti di parquet scuro e sono pitturate con colori cadi. Quasi come in una camera d’albergo, ogni letto dispone di una sua unità multimediale. Il pannello di alimentazione CONBOARD, con i suoi allacciamenti di corrente, gas e tecniche di comunicazione, è chiuso in un elegante armadio. L’innovativo sistema illuminotecnico prevede componenti separate per luce generale e di lettura, oltre ad un’illuminazione di orientamento LED: in altre parole una cultura della luce moderna ed estetica. Al campo visivo del paziente rimangono nascoste le consuete dotazioni tecniche, con l’effetto di mitigare il senso di alienazione tipico dell’ospedale.

Con lo stesso principio si pone il secondo piano, concepito come boulevard dove passeggiando si trovano biblioteca, caffetteria, ristorante, negozi, parrucchiere, punti internet e uno sportello bancario. Qui i progettisti hanno dato la priorità alla semplificazione dell’orientamento. Il linguaggio formale semplice e lineare degli apparecchi CLARIS si inserisce armoniosamente nel contesto assicurando una luminosità omogenea e piacevole.

Zumtobel. La Luce.

share it


Soluzione illuminotecnica:
L’ospedale di Gmunden
Gmunden, Austria
Committente: Gespag OÖ Gesundheits- und Spital AG, Linz (AT)
Architetto: fasch&fuchs.ZT-gmbh, Vienna (AT)
Progettazione impianti elettrici: TB Wanger & Partner ZT GmbH, Linz (AT)
Installazione impianti elettrici: ELIN GmbH & Co. KG, Linz (AT)
Luce come Fattore di benessere

La seconda tappa per l’ampliamento e il risanamento dell’ospedale regionale di Gmunden, nell’Alta Austria, testimonia una nuova percezione nel settore della sanità pubblica. Il presupposto era quello di fornire la migiore assistenza medica possibile in un moderno impianto di cura”. È nato così una sorta di conglomerato formato da nuove e vecchie costruzioni. Zone verdi davanti alle stazioni di cura dischiudono l’ospedale e garantiscono privacy e tranquillità. Anche all’interno domina un nuovo spirito: più del 60% di energia viene risparmiato dall’ospedale grazie a un controllo intelligente dell’illuminazione. Nell’impianto infatti, pilotato tramite DALI, vengono utilizzate fino a 3500 lampade e 500 tende lamellari. La complessità della tecnologia rimane però completamente invisibile sia ai pazienti che ai visitatori, che percepiscono soltanto l’effetto della luce: sottili linee di luce e illuminazione indiretta si armonizzano con tranquille tonalità di colore. I corridoi e le aree pubbliche inondate di luce creano un’atmosfera amichevole e invitante. Anche le camere dei pazienti hanno seguito il percorso di modernizzazione: l’unione architettonica delle lampade Pureline per letto singolo e dell’unità di alimentazione Conboard permette un’illuminazione di base benefica anche sotto il profilo della sicurezza medica.

Zumtobel. La Luce.

share it


Soluzione illuminotecnica:
Ospedale Marienkrankenhaus
Amburgo, Germania
Committente: Otto Wulff Bauunternehmung GmbH & Co.KG, Amburgo (DE)
Architetto: Henke + Partner, Amburgo (DE)
Medicina d’alto livello in un’atmosfera avvolgente

L’effetto psicologico della luce diventa sempre più apprezzato in ospedali e case di cura. Uno degli esempi più recenti è l’ospedale Marienkrankenhaus con il suo nuovo centro interdisciplinare per emergenze e operazioni (INO) che accoglie i pazienti con una sorprendente composizione di luce e colori. La facciata esterna è un’esplosione di allegri vetri colorati, ed anche all’interno si è accompagnati da superfici luminose. I colori non sono casuali ma scelti accuratamente fra quelli che simboleggiano ottimismo e gioia di vivere: con il giallo, il rosso e l’arancione il più grosso ospedale privato di Amburgo (500 posti letto) intende sottolineare la sua missione, ossia curare con il cuore.

Per un’illuminazione generale omogenea e riposante, nell’ingresso e nei corridoi sono installate file continue TECTON TETRIS. Le ottiche diffondono sui soffitti una luminosità indiretta che non abbaglia. Altrettanto ben riuscita è l’illuminazione generale nelle zone di intrattenimento, negli uffici e in corrispondenza degli ascensori: qui gli impianti sono formati da downlights PANOS e da apparecchi LLUCE MORBIDA IV.

Anche le sale operatorie e le camere di degenza sorprendono con soffitti gialli e raffinati abbellimenti delle pareti. Nelle sale operatorie, dove è richiesta igiene assoluta e luce della massima qualità, sono stati installati apparecchi per ambienti controllati CLEAN Supreme in protezione IP 65, nel reparto di terapia intensiva invece CLEAN Advanced in protezione IP 54, tutti con reattori elettronici e moderne lampade T16. Nel reparto di terapia intensiva sono montati anche apparecchi dimmerabili TECTON TETRIS che diffondono un’atmosfera gradevole senza abbagliare i pazienti distesi. La soluzione scelta per le camere di degenza è PURELINE, un apparecchio che combina luce generale indiretta e luce di lettura diretta, con un effetto confortevole per i pazienti seppur con un’illuminazione corretta per il personale medico. Basta un semplice pulsante per passare dall’illuminazione generale a quella di lettura o a quella per le visite mediche di 300 Lux.

Zumtobel. La Luce.

share it


Soluzione illuminotecnica:
Klinikum Offenbach
Offenbach, Germania
Committente: Comune di Offenbach (DE)
Architetto: woernerundpartner, Francoforte (DE)
Progettazione illuminotecnica: Brendel Ingenieure, Francoforte (DE)
Installazione impianti elettrici: Bauer Elektroanlagen GmbH, Halle (DE)
Efficace serenità

Un’infrastruttura ideale per i percorsi clinici dei pazienti, dotazioni tecnico-medicali ultramoderne, ambienti studiati con intelligenza, scelta innovativa di colori, materiali, illuminazione e spazi: tutto questo caratterizza la nuova struttura della clinica di Offenbach. La pianta della costruzione, a forma di pettine, si presta con flessibilità ai processi lavorativi in mutamento, ai percorsi abbreviati, agli ampliamenti e quindi alle future esigenze. Qui i ruoli essenziali che assume la luce sono: condizioni ideali per le attività dei dipendenti, luminosità utile a favorire il processo di guarigione nelle camere di degenza, soluzioni intelligenti per aiutare i visitatori ad orientarsi.

Già la facciata si presenta con amichevoli e vivaci tonalità di rosso. Anche per tutte le aree pubbliche gli architetti hanno scelto colori caldi e molta luce quali elementi caratterizzanti. Nel padiglione d’ingresso, esteso su due piani, ci si orienta rapidamente grazie ad un’armoniosa illuminazione formata da downlights PANOS e da apparecchi SLOTLIGHT costruiti in versione speciale. Il colore rosso del pavimento si riflette su pareti e soffitti bianchi creando un effetto morbido e riposante. Un’apposita concezione di simboli e colori aiuta le persone a trovare subito il reparto desiderato. Nei vani scale gli apparecchi LINARIA sono montati in attraente sintonia con i corrimano.

Le camere di degenza, suddivise in 13 reparti per un totale di 724 letti, appaiono luminose ed accoglienti. All’elegante arredamento, con mobili di falegnameria, si accompagnano unità di alimentazione medicale CONBOARD. Altrettanto accurata è la scelta dei colori: tonalità ocra e sabbia nelle camere degli adulti, colori più vivaci nel reparto pediatrico.

Zumtobel. La Luce.

share it


Soluzione illuminotecnica:

Lasciatevi ispirare

Zumtobel Newsletter
Inserite il vostro indirizzo e-mail per ricevere ogni mese, direttamente nella vostra casella di posta, interessanti soluzioni illuminotecniche a cui ispirarsi e tutto quello che c’è da sapere sul mondo di Zumtobel.

Altre domande?

Grazie del vostro messaggio!

PAESE
SOCIAL MEDIA

LLP

Partner di soluzioni illuminotecniche

Più successo con soluzioni illuminotecniche professionali ed efficienti: Zumtobel informa ed assiste elettricisti selezionati qualificandoli nella materia della luce.
Vai al portale LLP

LCP

Lighting Competence Program

Il programma Zumtobel per partner progettisti elettrotecnici è ideato per sommare le vostre e le nostre competenze in modo da sfruttare i potenziali della luce e anche da semplificare il lavoro quotidiano di progettazione.
Vai al portale LCP

LDP

Lighting Design Program

Questo programma di partner Zumtobel è sviluppato specificamente per architetti che si occupano di luce e che cercano un valido supporto con informazioni di prima mano.
Vai al portale LDP
Maggiori informazioni sui programmi